OPG Volterra 2016

La Piana : Restricted Area Project 2015-16

La Piana: Florence nord west suburbs 2014-16.

RESTRICTED AREA PROJECT

L’espandersi del’ edilizia abitativa ed industriale attorno ai centri urbani maggiori hanno generato all’interno delle aree vaste metropolitane territori limite,marginali, di confine.

Sono porzioni di territorio che hanno ormai perduto la loro connotazione di area di campagna ,agricola , boschiva originaria e sono ora in parte incolte o sottoutilizzate, ma spesso ancora ambientalmente e naturalisticamente ricche.

Soggette a prospettive di “riqualificazione” e a modificazione della destinazione d’uso, con il succedertisi di ogni amministrazione locale rimangono sempre in una specie di limbo: un paesaggio in attesa di transito da una naturalità senza valore ad quello moderno e ricco di “bene immobiliare “ di mercato.

Associate a una sorta di degrado immaginario, di luogo dove non vale la pena recarsi, una sorta di “ zone pericolose”, certamente con meno attrattive dei centri commerciali e sportivi attrezzati che li circondano, raccontano spesso un uso del territorio e un passato equilibrio fra uomo e natura ormai perduto.

Ad una di queste aree appartiene “ La Piana”: una vasta zona alluvionale della valle del fiume Arno che si estende nella periferia nord di Firenze, delimita

dalle infrastrutture autostradali del’ Auto Sole, dal’ aereoporto di Firenze e dagli insediamenti industriali ed urbani dei Comuni di Campi Bisenzio e di Sesto Fiorentino.

Ricca di alcune riserve faunistiche e ambientali di tipo lacustre e di piccoli insediamenti agricoli, è stata destinata più volte a parco pubblico mai realizzato. Su di essa incombe ora la costruzione di un impianto di incenerimento di rifiuti e di una nuova pista aeroportuale.

Progetti a cui si oppone una grossa fetta di cittadinanza locale con un forte movimento dal basso.

Firenze estate 2016